Archive for Settembre, 2010

Set 28 2010

una telefonata da memorizzare

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

telefonatache buffo che sei quando mi parli con quel tono così confidenziale, lo so è naturale come lo è il mio, e mi dai consigli su quel che dovrebbe essere la mia vita “amorosa”, ma sai bene che poi lasciano il tempo che trovano, altrimenti non saremmo ancor oggi qui a parlarne, tu che riesci a guardarmi come  fossi l’unica donna al mondo e poi mi dici che se sono presa da uno che mi fa male, vai lì e lo spezzi di botte, devo stare bene.. e facile a dirsi.. tesoro bello sappiamo bene tu ed io cosa siamo… anche se per poco potevamo sentirci oltre, anche se quando siamo insieme è divino e inspegabilmente semplice, perchè infondo fatti della stessa pasta, quella pasta che per te è una parentesi e per me la vita, io che non mi rassegno e non ho intenzione di vivere diversamente, solo adrenalina, non che non voglia che sia condita con scaglie di amore e quotidianità..ma forse non sono comprensibile e forse non esiste ciò che dico io.. io lo credo,si non esiste la follia accostata alla quotidianeità, non esiste essere sopra le righe e al contempo normalissima, beh io penso di si, e ne sono convinta ma lo sai che se non si prova non si saprà mai,  vedi te, e qui si dice tutto….poi  lo sai bene che io sono sempre in balia delle onde, non ti appartengo e non mi appartieni, e se nella mia vita c’è una spina nel cuore che ritorna, beh, probabilmente è così che deve andare, al confronto lui è un rompicapo pazzesco, vuole giocare, e poi dopo un po’ il gioco stanca, perchè io non ce la faccio più a rincorrere nessuno, non ce la faccio, posso correre incontro, ma non rincorrere, lo sai bene  anche te questo,  anche  se poi forse è il mio modo di amare, per non essere amata fino infondo, ma per questo servirebbe lo psicologo, e non tu ..perchè mi chiedo la semplicità contro la complessità, ma ci fosse solo semplicità e chiarezza in tutto, non avrei spine, non avrei angosce.. amore bello mi sono soffermata a riflettere sui nostri discorsi, pochi , non possiamo rubare il tempo , ma sei fantastico e dolce .. e io .. resto qui incasinata mi ripeto questi piccoli concetti per rifletterci su mentre ti saluto come sempre solo con il nostro CIAO!

Un commento presente

Set 18 2010

amore cannibale

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

rapportosessuale ti vedo arrivare mentre guardo dalla finestra, parcheggi lentamente, scendi dalla tua auto, non alzi lo sguardo; non ti aspettavo, ma sapevo che saresti venuto;  ti apro ancor prima che tu suoni, sali le scale a passi veloci, non ti chiamo , so chi sei e cosa vuoi, lo so perchè è lo stesso che voglio io, hai un coltello tra i denti, squarci i miei vestiti, mentre prendi la mia anima, ci entri dentro come una furia,  vorresti violentarla, ma non puoi , è aperta pronta a riceverti, a darsi completamente, a seguirti in questo stillicidio di amore folle, baci cannibali sulla pelle bianca, pezzi di noi che si mescolano, il silenzio della notte squarciato dai nostri sussulti, piccole grida sommerse, quella luce negli occhi che conosco bene, quasi perfida, così dura e fredda, anima impenetrabile, chiudi ogni portellone, potrebbe uscirne un dolce fiele, e così prendo te, non abbasso gli occhi , ti voglio, così ti voglio,  la follia di un momento, la follia di sempre, e succhiarti finchè non ti mescolerai al mio sangue, e le mie vene si riempiranno di te, mentre tu prenderai il mio corpo, sentirai il mio calore, sarai pelle della mia pelle, puoi graffiarmi la schiena, ma sarai tu che leccherai ogni mia ferita, la guarirai con la tua saliva, perchè non potrai farne a meno, mentre ti caverò gli occhi e ci metterò diamanti,  meno preziosi e meno luminosi, ma voglio qualcosa di te che non mente, che ogni tanto si tradisce, vittime e carnefici allo stesso tempo l’uno dell’altra, e poi l’alcool stordirà le nostre menti e farà dimenticare questa lucida follia , sarà così anche staserà.. sarà così che poi ti lascerò andar via… so che tornerai…perchè io ti appartengo più di quello che pensi, perchè noi ci apparteniamo più di quello che si può immaginare, siamo cannibali, questo amore si consuma solo così..!s60834521911_9667

3 commenti

Set 17 2010

e inizia la scuola

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari,Società

beh reduce dai primi giorni di scuola, sconvolta, si, a parte il fatto di non capire come mai alle 8, 30 il mondo sembra dirigersi tutto nella stessa direzione, e per fare 8 km ci metto un ora se va bene,   e già la cosa mi innervosisce, poi mi sono ritrovata  in un mondo parallelo fatto di mamme così prese dall’essere mamme, che non vedono e sentono altro… io credo di essere fortemente strana, ma anche di più… le scene più allucinanti  di questi giorni … chi si sconvolge della classe, ma se nemmeno hanno fatto l’appello tra un po’, chi vuole chiedere il cambio sezione, chi sa tutto sulle povere maestre, e già le odia a priori…ma … cavolo… e senza tralasciare chi dice che lo zaino pesa… ancora non ci sono i libri.. figuriamoci… ma è mai possibile dimenticarsi così in fretta come andavano le cose quando ci andavamo noi….??? o forse nessuno è mai andato a scuola, o ancora tutti avevano genitori così presenti da sconvolgere il mondo per il colore della penna… Sarà che io mentre suona la campanella già penso alla mia scrivania, alla spesa da fare, alla telefonata,  allla cosa bella, a quella che mi preoccupa… insommma non  è che poi sto lì a polemizzare sul colore dei fiori o sul cielo più grigio…ma veramente… e tutti i figli sono i migliori e se non son bravi è colpa delle insegnanti , e la scuola privata è meglio, e … che palle… già stressata, povero angelo mio… dovrà arrangiarsi in questo mondo di gente matta, dove ogni bimbo ha perlomeno un paladino della giustizia a disposizione, e lui non lo avrà se non ci sarà un vero motivo,  non mi reputo una madre assente, ma credo di essere una donna con un figlio , che lo adora, che semplicemente lo ama sopra ogni altra persona..e forse più di se stessa, anche togliendo il forse, ma reputo inutile la perdita di tempo e le parole al vento… io le risparmio, hai visto mai servissero per un giorno in più di vita…..beh, non mi sento proprio portata per fare la mamma di un figlio scolarizzato, mi sento sempre troppo studentessa forse, mi incavolo, si , ma per la scuola che nel nostro paese sta diventando un lusso da ricchi, che sta diventando un parcheggio di figli, in aule super affollate dove le maestre fanno corsi di sopravvivenza, dove ci provano, ma non si sa dove arrivano… dove si tagliano le materie, perchè non si può spendere, e si buttano soldi dalle finestre per fare rotonde e sottopassi che non servono a nulla (almeno nella mia città), si toglia arte dalle medie, tanto a che serve… si certo, secondo me andrebbe insegnata all’asilo visto il paese dove viviamo…. basta, basta, sono polemica e isterica, forse è colpa del ciclo o delle stagioni… non lo so, so solo che… se osservo il mondo mi rendo conto di essere veramente aliena.. si molto aliena…sto qui nella mia solitudine a lottare con la mia mente..a cercare verità e soluzioni a leggere libri che non avrei mai letto se non avessi avuto una prof speciale,  a chiedermi che sarà del donmani… ma più ci penso e più mi piace la mia solitudine.. e ci resto mi sa che è meglio, direi meglio!!!

Un commento presente

Set 15 2010

come farei senza di te ???!!!!

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

3706400-smmi siedo sulla soglia di questa casa, a guardare l’orizzonte, e ti prendo la mano, sfioro pensieri, ma non ci entro dentro, la stringo, dentro c’è la chiave, è tua , apri la mia anima e facci un giro, sicuramente ne rimarrai stupito, ne rimarrai sconvolto, dentro è pace ma dietro c’è stata una gran tempesta, piano si sistemano i tasselli del gioco finchè non ci sarà un nuovo grande scossone,e  se  non ci sarà mai,  tutto resterà lì a sedimentare, a sistemarsi come vuole, ti chiedo di guardare il cielo con me, e non è cosa da poco, sembra banale, ma banale non lo è per chi ha sempre tenuto dentro certe osservazioni, certe sensazioni solo perchè non sarebbe stato capito, solo perchè forse sarebbe stato deriso, invece ti chiedo di guardare il cielo con me che bei colori, nessuno mai potrà dipingerli, tutto questo è uno spettacolo meraviglioso, unico, da far venire un nodo alla gola , e ti chiedo di guardare il cielo, con occhi incantati e volti all’infinito, non sono solo quelli che guardano, ma è quell’anima che sta dentro e che  fa capolino solo quando si fida ciecamente e succede raramente e forse non è successo mai.. o quasi, …ecco la chiave dell’anima, insieme a quella della mia porta che vorrei metterti in mano, senza motivo e dirti vieni quando vuoi, se rincaso e già ci sei, mi fa piacere, se non verrai mai, va bene lo stesso…so che lo potresti fare, ma non ti sto ad aspettare, liberi di  essere aria , sole , pioggia , nebbia fitta o neve gelata, vento d’inverno e brezza d’estate, imprevedibile e imprevedibili nel mondo perchè di mondo non siamo, perchè siamo oltre, perchè siamo altrove.. ti chiedo di guardare il cielo, e adesso che si è fatto blu notte, c’è una luna meravigliosa, illumina gli occhi e il cuore, guarda che bella sembra sorridere, forse sorride di me, e di questi pensieri strani, ti tengo la mano..resto in silenzio, ma dentro di me penso.. come farei senza di te??!!!!

Un commento presente

Set 06 2010

a chi di se non sa che farsene!

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

donnee succede che ogni tanto la stanchezza prende il posto all’adrenalina e ti invade ti riempie e tu impotente stai lì ad assecondarla, non riesci a farci niente nonostante l’impegno..il cervello è chiuso, un blackhout.. niente, il vuoto…dura sempre poco per fortuna ma capita e settembre è il mese in cui abbassi la guardia, non sei pronto ad affrontare dinuovo tutti gli impegni con la stessa tenacia di luglio, devi ritrovarti devi esplorare la situazione e cercare di capire dove sei rimasta, chi sei e cosa vuoi, mille buoni propositi, e mille e mille progetti…anche se li faccio solo per riempire le ore, perchè la sera li avrò volutamente rimossi e dimenticati, io sono così.. l’ho deciso e mi sta bene non faccio programmi e progetti, forse degli obiettivi, ma sempre mobili, mutevoli…Odio la me che si annebbia, ma  non sono riuscita veramente a farci niente,  solo dormire, rilassarmi e riprendermi me stessa, per fortuna ci ha pensato un we all’insegna dell’io, cure , amore e piccoli regali che mi sono concessa, veramente a volte mi rendo conto che quando mi amo, sono l’amante migliore che potrei immaginare e desiderare, non c’è da immaginarsi chissà cosa, a volte basta solo seguire le sensazioni , l’anima che chiede , guardarsi gli occhi nello specchio e sorridersi, … e allora stamani rinvigorita da tute queste attenzioni concesse sono ripartita, con il mio cervello attivo e sveglio.. è così che deve essere, mi ripeto..perchè non deve essere altrimenti, come si fa per farlo???.. Bene.!….. si beh, un po’ relax, la mia casa sistemata e pulita accogliente e avvolgente piena di sole rosa filtrato dalle tende, i riflessi bianchi sui mobili la musica e la pace, una doccia con tutto l’amore del mondo crema e toilette per un inaugurazione e prima un salto in centro, e chissenefrega se l’abito era anche troppo elegante evidente e svolazzante per un ora di shopping, ma io dovevo comprare il primo grembiulino al mio piccolo, il primo nero… mi sono concessa uno smalto e una breve, purtroppo, sosta in libreria per due regali…e già di per se è un toccasana… poi l’inaugurazione e la pizza con gli amici quelli di sempre che ti racconti le cazzate e ridi ridi… e gustarsi la lentezza della domenica non ha prezzo la colazione e il profumo di caffè che invade la casa ancora nella penombra… un aperi-libro  mi ha quasi messo in ginocchio .. menomale che il divano è comodo e via senza programmi improvvisare le piccole cose che di solito non faccio per mancanza di tempo per priorità impellenti, e un ultimo regalo, quella rosa color oltremare, che mi piace un sacco, una rosa per me… e finire davanti allo stesso specchio seduta con il mento tra le mani a guardarsi negli occhi, soddisfatta serena e felice, con il sole che spande la sua luce strana dentro una nuvola un po’ nera, il bicchiere dinuovo vicino a brindare a me stessa , in attesa che arrivi quel bacio che mi riempie la vita.. e ricominciare la settimana con la carica che merita, che ci vuole!!

Nessun commento