Archive for Novembre, 2011

Nov 13 2011

…le mani piene d’amore

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

 

MI MANCHI

 vorrei che tu fossi qui ora, vorrei curare le tue ferite e leccare  le mie, vorrei poterti donare questo amore che mi ritrovo tra le mani, e che non ricordavo di possedere, vorrei ricoprirti di tutto questo, perché sei tu l’unico a cui lo potrei dare, l’unico che ha oltrepassato la frontiera, l’unico che è entrato dentro fino infondo nelle viscere dell’anima, che ha suonato le corde del mio desiderio, di quello fisico, di quello mentale, l’unico che mi ha fatto venire la voglia di volare,la voglia di ribaltare ogni cosa, la voglia di  rischiare il tutto  per tutto, come non avessi niente da perdere, pur sapendo di non aver niente da trovare.

Le mie mani stanche e colme di giorni passati tra l’indifferenza e la fatica di questa vita, sono protese verso di te  che non puoi nemmeno vedermi.

Tu che sei quell’angelo a cui hanno strappato un ala e non ce la fai più a tornare nel tuo cielo, nutriti di questo amore, che ti regalo, che posso solo lanciarti addosso da lontano, per tornare a vivere e volare ancora;  potesse il mio bene raggiungerti in questo  tempo che è  più surreale di un sogno, in questa realtà fatta solo di niente e pensieri, se solo potesse bastarti  il mio bene, la mia voglia, il mio donarti ogni cosa incondizionatamente..

e se solo io capissi perché è stato così facile ..

mi sono opposta ma tu eri già dentro di me che chiedevi asilo e poi scappavi e io che non credevo alle tue parole, come sempre incapace di pensare di meritarmi quei tuoi occhi…

amore mio, questo desiderio che spoglia il corpo e lo riveste solo di brividi, che di notte mi regala le immagini dei sogni di un noi che poco esiste.. e che mi fa pensare alle tue mani, alla tua espressione, alla tua voce, alla tua bocca, su me , tu dentro me, tu sopra di me, tu parte… di me…  non mi sono concessi desideri da esprimere, non ci sono geni delle lampade e nemmeno oracoli… ma io imploro il cielo in ginocchio di poter dare  a te questa parte di me, perché sia cura al tuo dolore e liberi me da questo grande peso, non so sopportare l’amore, è solo un peso nelle mie mani, fa colare sangue e… questa vita breve e precaria, ci sbatte in faccia per il gusto di metterci alla prova e  ci trova impreparati a tutto… lo so..e per questo scrivo qui i miei pensieri, li conservo per domani,perchè possa essere praparata, ma non lo sarò mai davanti a te…

e per questo mi manchi,  manchi tu nell’intimità della mia pelle, nelle pieghe della mia anima, nell’aprirsi dei miei sorrisi, nel fragore delle mie risate, mi manca il non poterti dire che sono condannata dal tribunale del cuore a vivere l’assenza della capacità di sorreggere l’amore, e che il giudice severo mi ha dato una pena di una vita, produrre  quest’amore solo per chi non può goderne.. espierò la mia pena come faccio da giorni e mesi,  da sempre, ogni volta che credo di liberarmene ecco che ricompare , quando penso che sia finito ricomincia a nascere…  e tu mi manchi, perché non posso darlo a nessun altro, tu solo sei  colui che lo fa vibrare…tu sei la mia condanna.. la più bella e sublime, che strappa sorrisi e lacrime, che imbarazza, che  fa perdere lo sguardo nel niente e iniziare a guardare altrove.. oltre … tu solo sei il padrone di questo amore, dei  mie gesti e di ogni parola e virgola e sospensione, sei la pausa tra i puntini, la virgola  e il punto esclamativo, sei l’emozione  che fa scaturire il mio amore e sei  il solo modo per espiare……!!

13 commenti

Nov 11 2011

grazie a te potrò costruire

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

 

I nostri occhi che si incollano come calamite e le parole … che  dopo l’imbarazzo iniziale che ci costa sempre molto,  come squarciare  quel velo per far entrare luce da fuori e aria nuova, aperto il varco… escono, entrano, si scambiano e si mescolano , sempre piene di tutto, con il fascino di chi non parla a vanvera, e a volte tra le mille e una ci sono le nostre poche avide e sussurrate verità, .. quelle che non si arriverà mai a dire apertamente.. Dio solo sa  che meraviglia la tua presenza e quanto mi imponga la tua assenza, si sa bene che evitiamo, credo proprio, la stessa cosa, per motivi paralleli, ma se poi sveliamo gesti e segreti, io non posso fare a meno di guardarti e aprirti il cuore e la mente, e ti abbraccio qui,per ogni volta che non lo faccio ,per ogni momento in cui vorrei farlo, e capisco e comprendo sempre più che la base sei tu, potrò forse e spero costruire delle gran belle case, ma avranno la loro stabilità solo grazie al tuo passaggio nella mia vita, casuale, inizialmente superficiale, sempre più intenso e intimo poi, diventato la pietra d’angolo di me!

Nessun commento

Nov 01 2011

sbronza di vita

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

me Sbronza di vita, rientro in casa che è già mattina, stordita e annebbiata, svuotata e stanca, insoddisfatta… so che domani avrò solo un mal di testa terribile, domani e i giorni a venire , perché poi non passa facilmente, sono giorni che mi ubriaco così, di vita trascinata a forza dalla mattina alla sera, come una vecchia puttana rientro a casa con il rimmel colato , e i vestiti sgualciti non da uomini paganti ma da un momento difficile, che mi svuota e mi rende insoddisfatta;

ogni giorno la vita da risolvere , ogni istante qualcuno da accontentare… e io….

 Bevo per sopravvivere, mi ubriaco di questa vita assurda…

da tempo non mi trascinavo così…

e a volte ritorna, forse perché sono sempre troppo brava a dare, a dare a tutti e non chiedo mai niente, e non pretendo niente… mai… distribuisco consigli e kleenex a chi me li chiede, regalo tempo e pensieri a chi si affaccia, sacrifico ore e pranzi e cene per lavorare gratis, e poi corro qui, là… e ci sono sempre, ovunque per chiunque, Wonder Woman mi fa un baffo.. ma poi ..

 poi mi ritrovo davanti al mio specchio a cercare di vomitare la rabbia e l’insoddisfazione che ho dentro… no, basta, me lo ripeto ogni giorno, devo pretendere per me e fuggire.. c’è qualcosa che gira male e va addirizzato… perché poi è un ingranaggio che si inceppa, e per una cosa storta, tutto ruota al contrario, ciò che non dovrebbe aver peso alcuno diventa un macigno, ciò che dovrebbe farmi stare bene, mi sconvolge e mi fa solo male, non distinguo più i sogni dalla realtà, tutto si confonde, mi sfugge, mi distrae …

non posso lasciarmi travolgere così, devo rompere questa catena, strapparmi dalle abitudini prese solo per non pensare… assaporare la vita come riuscivo a fare solo qualche mese fa.. e che palle … Questa vita messa così non mi va.. non mi vanno le persone che assumono rilevanza anche se non ce l’hanno, non mi va di sentirmi in colpa anche quando non c’entro niente, non mi va di avere sempre tutto sulle spalle e sentirmi giudicata, e mai apprezzata… non mi va proprio niente..

E per non sentire e non vedere mi ubriaco di notti inconcludenti perse a perdere tempo, e riduco i giorni a momenti di riposo, vuoti e insignificanti, con i pensieri di fare e senza la forza di agire… non riesco nemmeno a guardare il cielo a volte, che schifo.. io che aria sono e aria torno… forse a volte fa male.. forse a volte… bisogna abbassare il tiro…

forse un bicchiere di acqua minerale bevuto con chi sa cosa dire, non sarebbe male, insieme a una serata sul divano con semplicità e sorrisi senza aver paura di sbagliare.. ma io non so chiedere nemmeno questo e svanisco, sparisco, mi spengo…. E nessuno sa dove e come sono, finchè non riesco a ricominciare… sono a volte attimi, altre ore e da un po’ sono giorni…

invertire la rotta è necessario, assolutamente altrimenti non riesco a cambiare lo scenario che ho davanti.. e mi perdo… chiedo un aiuto dal cielo, o dalla terra, uno spirito o un sogno, santo o sciamano non importa mi raccomando a chiunque per che ci sia una svolta..

ma sono troppo razionale e cosciente e so bene che sono solo io che devo agire tutto il resto non c’entra niente… sono sola e da sola mi devo salvare… le mie mani, la mia testa, buttare bottiglia e bicchiere, dire no e basta… cerco la forza tra le mie parole , nella mia anima , infondo ai miei occhi riflessi nello specchio, guardo le mie mani vuote e bianche… devono agire, lo so.. anche se sono stanche!!

4 commenti