Archive for Febbraio, 2013

Feb 26 2013

si può inviare un reclamo al nostro Dio???

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

mi chiedevo se nell’era della tecnologia e della globalizzazione non ci fosse il modo per mandare un reclamo a LUI si, a LUI… io sono una persona credente, ma  a volte la mia fede si scontra con il dolore,  quello inevitabile, quello dei più piccoli, indifesi e innocenti.. e ogni volta non me ne faccio una ragione … io vorrei sapere PERCHE’.. perchè gli vengono imposte malattie cattivissime devastanti.. perchè ???  Vedere occhi pieni di vita imprigionati in corpi doloranti, devastati da un male subdolo incurabile, e  da genitore sentirsi morire ogni volta che anche solo ci pensi.. Perchè????

Scusa Dio, ma non riesco ad accettarlo, non riuscirò a spiegarlo nemmeno al mio bambino quello che succede al suo amichetto, non  ce la faccio.. mi arrabbio piango e chiedo a TE perchè? so che non c’è una risposta, so che non arriverà mai, e so che tu non hai voluto questo…e forse la mia fede serve solo a farmi accettare  queste cose, pensare ad un paradiso, ad un posto migliore dove  vanno gli angeli, a trovare un po’ di consolazione nella preghiera.. certo ci provo, anche se a volte da un po’ di tempo mi sento inadeguata e senza dubbio ho perso l’allenamento… ma  tutto mi riesce difficile .. tutto!!

Un commento presente

Feb 08 2013

non ho voce…

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

A volte viene voglia di gridare , ma poi quando sei lì, apri la bocca, prendi fiato… ti accorgi che non hai voce,.. e così rinunci alle grida e ti chiudi in un silenzio così profondo che nessuno può violare, lasci passare le note di un pianoforte  per poterti immergere ancor di più in quel  niente dove è dolcemente dolente il pensare, che piano scolora, e si annienta tra le ombre e le luci, tra le emozioni e le delusioni, le paure e gli entusiasmi, non ci sono sogni, forse visioni, non ci sono speranze , magari illusioni… e giù.. scivoli giù nell’oblio, ancora più giù, lentamente … fino a perdersi, a perdere il corpo, a rincorrere l’anima, a cercarla, a cercare di capire se ancora ce n’è una, se è ancora libera di sentire, se riesce a vibrare.. e cadono i pezzi di metallo pesante che la soffocano, e si sbriciola il cemento.. e si libera.. piano… e se ne va.. girovagando  dove  a volte non si osa, non si osa più, per pigrizia o forse per il terrore di scoprire che c’è ancora tutto basta  volere… e suona la musica, e riprende il respiro e lento il desiderio di guardare oltre, con un po’ di timore forse, ma oltre credo si debba andare, bisogna solo trovare il coraggio….  anima vivi, anima respira, anima sogna, perché niente è così grande da non poter accadere… e suona e vibra.. anima persa, ritorna; anima bella ridi, di risate suonanti, di occhi brillanti, di note inebrianti… anima dannata, torna a  far bruciare ancora il fuoco dentro, la passione, quella che divampa e incendia la vita, i giorni , le notti, ogni ora, senza tempo ne stagione, quella che passa attraverso il corpo la mente e il cuore, che unisce l’etereo al concreto, che mescola le nuvole con la terra.. che plasma , che confonde che crea e distrugge; anima mia  brilla al sole, o sotto le gocce di uno scrosciante temporale, nelle cose che in me hanno senso anche se di per se un senso non lo avranno mai…

3 commenti