Nov 17 2016

naturale

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

vedi infilarsi tra le tue braccia di mattina è così istintivamente naturale,  ancora con un piede  fuori dalla routine quotidiana, ancora quasi vergini di arrabbiature e  consuetudini lavorative,   vedere il tuo sguardo, i tuo gesti,  te.. fa scattare tutto così immediato lì dovevo stare, era più forte di me.. lì.. sul tuo petto .. lì tra quelle braccia forti.. lì per prendere fiato , per  avere la forza di un altra giornata, per trovare il sorriso.. lì per un attimo,  mentre intorno a noi l’energia gridava al mondo di scansarsi, all’aria di fermarsi, al telefono di non suonare, al sole di non accendersi ancora, a tutti  di aspettare… e a me di  cedere a quel magnetismo che   pur volendo non posso  contrastare, mentre con una mano scosti piano i capelli    e  le tue labbra dolcemente mi sfiorano di sorpresa il collo, posso socchiudere solo gli occhi e sentire i brividi che percorrono e invadono il mio corpo , sei la sorpresa, sei  sempre un cascata di acqua fresca nello scorrere  insipido dei giorni… niente di più, niente di meno!

Un commento presente

Ott 12 2016

10 anni di storia ..il mio blog!

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari


http://signorina2006.blog.tiscali.it/2006/10/12/in_viaggio_dentro_me_____quot_niente_succede_per_caso_quot__1715347-shtml/

“ecco qua, iniziamo a dar fiato ai miei pensieri…
il titolo racchiude l’essenza di me, di questa nuova persona che è rinata esattamente 6 mesi fa, la mia età anagrafica poco c’entra con tutto il resto, non ho certo 6 mesi, ma la mia vita ha avuto una nuova partenza.
Tutto è iniziato con un grande spavento, la fottuta paura che mi rimanesse poco tempo per vivere, fortunatamente solo paura…”

“Certo non è che in un giorno puoi essere completamente diversa.. no, questo no, ma la trasformazione è lenta, parte dalle piccole cose apparentemente banali, ma segno evidente di una trasformazione mentale,il lavoro è duro e sicuramente lungo, ma i primi risultati si vedono si sentono e sono quelli più gratificanti…”

“e allora da 6 mesi mi vesto carinamente, mi trucco, metto le collane, gli orecchini,le scarpe con i tacchi.. insomma tutte le belle cose nascoste infondo ai cassetti le ho tirate fuori, rispolverate e iniziate ad usare…. certo in estate è anche più facile, ma non ho nessuna intenzione di rinunciarci con l’inverno…
Bene questa è stata la prima cosa che è cambiata, forse la più facile, ma è dalle cose semplici che si inizia e poi si prende il coraggio delle propie azioni…”

https://www.youtube.com/watch?v=xVCN7hPdAQM ( ascoltatela)

Questo era  l’inizio , l’origine di tutto questo luogo, di questo fiume di pensieri, di parole,  l’inizio della mia trasformazione , quasi una rinascita ,  anzi senza quasi.. la mia RINASCITA, fisica, mentale , sessuale, sociale, professionale.. tutto e dico tutto si è stravolto, ci sono voluti anni, giorni pesanti come pietre, risate isteriche e  sguaiate, azioni incosulte, pianti e lacrime, le mani sbucciate dalla fatica di ribaltare la mia pelle, ma  oggi posso dire che effettivamente   quella trasformazione auspicata c’è stata, ….  E in questo blog ho messo storie, personaggi e emozioni… un valido aiutante nella messa a fuoco della mia vita in continuo movimento,    luogo segreto inizialmente e poi luogo condiviso con chi   ne è stato attore co-protagonista  e spesso lo è ancora oggi,    e condiviso anche con chi ha guadagnato la mia fiducia, e avrei voluto  che conoscesse a fondo l’anima mia, che se poi ha capito e usufruito e sfruttato chissà..  mani virtuali che hanno letto commentato e condiviso passi di me,  svaniti, salutati per strada tra un tumulto e l’altro della mia anima.. e poi  oggi, un luogo sereno , un po’ abbandonato, ma non troppo , come una casa di campagna dove si torna ogni tanto per diletto, a volte per bisogno e dove si vorrebbe passarci un po’ più di tempo ma si trova sempre una scusa per non farlo… non riesco ad abbandonarlo.. per adesso.. anzi spero sia ancora spettatore dei salti dell’anima e dl cuore.. questa me che ha continuato a mettersi i tacchi alti sempre più, a truccare il suo viso, a scegliere con cura gli abiti e i pensieri, questa me che ascolta la testa il cuore e le ginocchia che si piegano.. vuole essere ancora la “ Signorina”.. perche IO .. SONO IO .. e lo sarò.. per sempre ..

10 ANNI,  DUE VITE ,  UN PO’ DI AMORI, UN UNICO E IRRIPETIBILE 88 , UNA SIGNORINA….  ME E LA MIA STELLA !!!!

Un commento presente

Set 01 2016

1 settembre

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

 eccolo che arriva settembre come ogni anno segna un nuovo inizio, riprendi da dove hai lasciato, ma speri che ogni giorno si possa trovare un piccolo  momento di felicità sublime, oggi si riparte , tutto è  nuovamente diverso, le giornate hanno già cambiato colore, il sole non ha quella luce così intensa che assomiglia alle grida dell’estate, si avvia piano verso quel calore più sommesso e meno  sfacciato dell’autunno che avanza, eccolo settembre ed ecco il  Primo giorno.. 1 .. una data, la tua data, perché in effetti tu sei  il nuovo  inizio, tu che sei stato sempre la novità, celebri così il passaggio degli anni, e  ormai da un po’ , oggi è il tuo giorno, per te che sei una forza della natura e una sublimazione dell’essere uomo,  oggi è il giorno in cui le parole forse non bastano più, e nemmeno i gesti , il giorno che sarà il 1 settembre di tutta la vita, in questo blog tanto gira intorno a te,  divento ripetitiva e monotona forse e quindi qui si scrive solo per  dire che oggi come non mai ,  la gioia di aver avuto la possibilità di  conoscerti è solo una fortuna e ti auguro ogni bene, e ti auguro  la felicità, e ti auguro la pienezza del tuo essere e del tuo  vivere,  e di godere sempre dei grandi e piccoli  momenti magici.. e sono felice che sia il ” primo settembre”… ! Auguri uomo che sa volare auguri… auguri di cuore.

Un commento presente

Ago 31 2015

abbiamo attraversato il mondo, tu ed io.

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

e come dire che tra le tue braccia è casa, che nei tuoi occhi  c’è la sorgente dei miei gesti, il coraggio della follia o dell’immobilità.. quando come se ci fosse una calamita mi attiri e non posso fare a meno di incollarmi  a te,  non curante del mondo intorno, e se ci siamo persi ti ritrovo.. in noi vive il doppio gioco del dire e del fare.. un po’ vince l’uno e un po’ l’altro, ma quel filo non si spezza.. sopravvive, vive.. in tutte le stagioni della vita.. nella calma apparente, nel silenzio, nel tumulto…. e poi come un fiume in piena dal niente .. le tue mani addosso , i tuoi respiri  che incalzano sul mio collo,  si inarca la  mia schiena, salgono i brividi.. salgono mentre sono ancora incredula che sia tu, e che  sia io.. ma allo stesso tempo mi sembra l’unica cosa naturale che possa accadere tra noi.. l’unica che esiste nei nostri sguardi, l’unica conseguenza ai nostri discorsi, ai nostri abbracci… tu che ogni volta sei la ritrovata novità… e mi libero in un attimo mentre l’istinto animale di noi si alza dall’anima e si trasferisce nei corpi, che non si fanno pregare  per entrare in contatto che lo sono infondo sempre,  e si mescola dinuovo tutto in quella nostra passione animale in quella nostra carne che profuma di giorni passati e di attimi rubati ..   è così… e non ti chiedo perché non saprei che rispondere se tu mi chiedessi.. è così .. e mi sento come se avessimo attraversato il mondo e fossimo lì lì per tornare al punto di partenza.. con la consapevolezza del bello ma con la spossatezza del tempo e con il terrore del ripercorrere quelle strade che non sono sempre state facili.. in questo nostro viaggio  ci ritroviamo sempre vicini e poi ci allontaniamo, non ci stacchiamo mai troppo, ma non ci prendiamo nemmeno per mano, ognuno i suoi passi, ognuno i suoi pensieri che spesso si assomigliano, ma che non conosciamo nel profondo..  e allora resto in silenzio a godere del bello e della luce che resta sul mio volto  e nei tuoi occhi, resto in silenzio sorrido ti penso e penso che ti voglio un bene infinito e che  il sangue è sangue e  se si può non comandarlo.. è bellissmo…

Nessun commento

Ott 15 2014

volevo piangere…

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

tu.. così dal niente , mentre la sera scendeva come a far calare il sipario sul giorno e a creare intimità,  così in un momento in cui avevo poco tempo da dedicarti, ma tutta l’attenzione.. tu hai iniziato a rovesciarmi addosso un mondo di cose belle, di “amore”, di sensazioni infinite, di emozioni; mi hai lasciato senza parole, cosa inusuale, io parlo sempre tanto, troppo, ma tu mi hai lasciato così, piantata sui miei tacchi a prendere secchiate di infinita bellezza,  avevo paura di non riuscire a sentire tutte le cose che mi dicevi, con una naturalezza che  mi toglieva il fiato, e ogni parola  rendeva più molli le mie ginocchia,  faceva tremare di più le mie mani, sapessi che meraviglia sentire uscire dalla tua bocca ciò che spesso io sento nella mia testa e nel mio cuore nei tuoi confronti… , che ho sempre sentito in tutti questi  anni,  aldilà dell’attrazione fisica, del desiderio del corpo.. oddio.. io ero immobile ma dentro di me c’era una bambina che gridava e saltava di gioia…e volevo piangere,  piangere di gioia.. piangere perché delle cose così.. belle non me le ha dette nessuno, e soprattutto so che non c’è nessun secondo fine, ci conosciamo troppo, so che tu dici solo le cose che pensi e perché le pensi,  e questo vale più di chissà cosa, vale più di qualsiasi dichiarazione d’amore sterile che abbia mai avuto.  Io, io .. io sono troppo felice che tu sia su questa terra, che mi sia  capitato vicino e che  mi sia entrato nell’anima, non farò mai niente per mandarti via, tu sei quell’amore che non può essere tale poichè manca una parte , la parte della realtà quotidiana dei fatti,  e la condivisone dei corpi che  c’è stata e abita nei ricordi, ma sei però oltre, qualcosa con cui, chiunque entra è entrato o entrerà nella mia vita dovrà fare i conti….  perchè tu sei la cosa più bella che mi potesse mai succedere e quando ti dico che volevo piangere… è vero.. ma di gioia.. !!! chiunque si imbatterà in me, ahimè, avrà sempre un concorrente e se mi chiederà di rimuoverlo dalla mia anima.. perderà..  Ci sono cose che non si comandano.. i sentimenti, e magari  visto che io faccio sempre grandi casini non posso dargli un nome, ma  quelli nei tuoi confronti sono così belli e così tanti che… saranno per sempre… e non per quello che mi hai detto, ma perché sono lì dentro, le tue parole mi hanno solo riempito di felicità!!!!!!

Nessun commento

Set 29 2014

è da qui che devo ricominciare

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

prima di te non c’era niente , prima di te non c’ero io, tutto era avvolto da una strana nebbiolina che come un velo copriva e nascondeva i colori, rumori che avevano tutti più o meno la stessa tonalità , ripetuti all’infinito come una nenia, battiti del cuore che andavano sempre alla stessa velocità, odori che si confondevano l’uno con l’altro.. attimi che non si distinguevano….. e poi sei arrivato te, e sono nata io.. il velo si è squarciato e poi dissolto e i colori si sono manifestati in tutto il loro essere, il verde dei prati e il blu del cielo, il rosso delle foglie d’autunno e l’oro del grano tagliato, il giallo dei girasoli e il grigio delle nuvole in un giorno di pioggia, il blu della notte, il platino della luna e l’argento delle stelle, i rumori si sono fatti  suoni ,  il vento soffia sull’erba e si può sentire insieme al battito delle ali di farfalla, si sentono i brusii dolci della notte, le grida disperate degli animali in amore, le urla dei gabbiani,  la pioggia che ticchetta sull’asfalto, e poi gli odori distinti la terra che ti entra nel naso e nella testa, il salmastro del mare, il profumo del pane appena sfornato , l’odore della pelle, e poi le voci e la voglia di correre cantando con le mani alzate al cielo, la musica che ti entra dentro e le emozioni che vivono da sole, il pianto e il riso…… Tu…hai fatto questo,  sono nata e ogni tanto ci penso,  e ora che tutto questo ce l’ho tra le mani.. non posso far altro che cercare di vivere, di esserci ora e sempre .. di correre, guardare cantare far scorrere la musica e il sangue nelle vene… e guardarti nel profondo degli occhi per vedere che sei tu l’origine.. sei un po’ come la sorgente… adesso scorro e devo scorrere da sola…ne ho la consapevolezza….. ma non devo  dimenticare, non posso anzi ,non ci riesco proprio, e quando mi blocco è da te che torno e quando vado è da te che cerco di allontanarmi e prendere le distanze….tu ci sei….. e io ora, da un po’, ci sono…

2 commenti

Ago 29 2014

questo volerti bene..da’ ancora i brividi

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

 

 

Quando accade che mi fermo a guardarti  mi smarrisco nel cielo dei tuoi occhi in mezzo alle virgole dei nostri discorsi, scorre il tempo e mi chiedo perché tutto passa e non passi te; attraverso vite, anime, corpi e storie, e poi ritorno a te,  come fosse quel filo rosso che mi  lega a te , come ci fosse un  volere che va oltre ogni personale  volontà,  e tu torni, siamo sempre così vicini, che star lontani a volte è una necessità per vivere,   inutile tentare di spiegare questo bene che ti voglio,   questo qualcosa che viene da dentro che non si ferma davanti a niente, che  non chiede ma dà, che è felice se sei felice che è …  Con gli anni ho imparato  tante cose, e questo ha reso più fluido il nostro rapporto, con gli anni però non ho perso la curiosità di osservarti, di scrutare i  tuoi gesti, di conoscerti, perché ai miei occhi sei sempre nuovo,  perché sei sempre un grande pozzo di cose interessanti, ed è per questo che è bello star con te a parlare ore ed ore, di tutto, dalla fisica quantistica a come si cucinano le bavette con le vongole, a parlar di sentimenti e di vino, di abitudini e di vite vissute o anche solo sognate, ascoltare consigli e vagliare  le ipotesi, esprimere opinioni e  ridere sulle cazzate che ogni tanto ci diciamo;  Il tempo non ha però sopito il piacere di sentirti vicino, quei piccoli brividi, anche se la nostra confidenza mi rende libera e serena di fare la sciocchina e a volte anche l’oca ammiccante, perché tu sai ciò che sono, più o meno, tu non giudichi, tu  apprezzi e soddisfi il mio bisogno di essere guardata..il fatto è che a volte per non sentire quei brividi mi sottraggo al tuo contatto, mi astengo dalle smancerie perché poi è un po’ più difficile..ma  mi piace.. o cavolo se mi piace sentirli ancora…

Nel mio girovagare mi guardo intorno alla ricerca di un “amore” da scovare , e mi illudo che esista qualcosa di più, qualcosa di diverso ..ma poi lo so che l’amore non esiste, e se esiste è qualcosa di diverso .. è forse quello che provo per te? ma forse SI, ma non lo so.. Si sa ,è risaputo, perché non ne faccio un segreto, io non so cosa sia amare,  non so ciò che significa, ma se mi fermo davanti al mare in un giorno di sole è te che vorrei abbracciare, e se poi svanisce il sole arriva il vento e scompiglia i capelli alza la sabbia e fa crescere le onde è te che in quel momento vorrei avere accanto e sentire le tue braccia che mi vengono a scaldare, e se poi  corro fino alla fine del fiato in un prato è su te che vorrei cadere e con te vorrei rotolare  fino a che il brivido diventato insopportabile ci costringesse a soccombere a quest’eccitazione e appagare i sensi.. non c’è niente di normale nelle parole che dico, scrivo e che ti so raccontare, ma il normale  o comune che lo si voglia chiamare è alla fine anche noioso e banale,  ogni giorno ha la sua follia che rende normale ciò che per altri è sicuramente inusuale,  e di questo non appartenere ai più ne faccio una profonda convinzione e un vanto, finchè posso mi distinguo, finchè  avrò la forza di essere me stessa fuori da schemi e convinzioni, lasciando dire chi mi vorrebbe imprigionare, cambiare o redimere .. e se questo è strano lasciamo che sia così, il  mio volerti bene è l’amore più particolare che riesco a provare che non riesco a controllare…..

2 commenti

Lug 16 2014

poco prima della pioggia

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

i tuoi occhi mi passano in rassegna e indugiano sui particolari, faccio fatica a  restarti indifferente, a fare finta di niente, ma ci provo, ci devo riuscire, non posso cedere, sarebbe  sbagliato, sarebbe stupido, sarebbe .. sarebbe.. sicuramente bellissimo.. perché lo so, e infondo lo desidero sempre, e se mi lascio andare è lì che vado a finire, e cedo.. cedo  mentre in questa sera calda d’estate piano inizia a scendere la pioggia, silenziosa come i tuoi passi,  calda e   piacevole come le tue mani, come la tua bocca,  e prima che il cielo rovesci la sua potenza, tu mi prendi  con la tua fermezza inchiodando la mia schiena al muro, senza darmi il tempo di dire, di fare, la tua bocca si prende i miei baci con impeto, non oppongo nessuna resistenza e mi lascio andare a quel desiderio di te tenuto a bada dalla razionalità, ma così intenso da esplodere in un attimo, mescoliamo saliva e carne, mescoliamo respiri affannati e morsi  accennati, le tue mani mi percorrono sui vestiti cercano la via, il mio corpo si offre a te, la schiena si inarca, i seni ti regalano il turgore dei capezzoli,  il cuore accellera i battiti, sento che cresce il tuo desiderio,  ti sento premere contro di me così forte, ti desidero,  cade la tua camicia  di lino leggera, si posa a terra e mi riempio i polmoni del tuo profumo, del tuo odore,  ti voglio, e te lo dico, non gioco più, non scherzo..  ma lo sai, è solo che mi piace essere chiara.. ci fosse l’ombra del dubbio.. anche se infondo so benissimo che non ho deciso io, sei tu che hai deciso di avermi, ora qui.. ora è l’ora, e mentre  bacio il tuo petto, il tuo collo, le tue mani frugano smaniose di  scoprire quanto sia forte questo volerti,  affondi le tue dita e mi scappa un gemito, il piacere è così grande.. avevo quasi scordato che effetto mi fai,  e poi in un attimo mi sollevi quasi da terra, mi volti e ti fai spazio  tra le mie cosce, così entri  come a dire “ci sono piccola” ti sento ogni centimetro ti avvolgo un abbraccio  caldo e morbido per te,  il tuo respiro sul collo, le mie ginocchia  si ammorbidiscono, il piacere esplode dentro me, forte, continuo, incessante.. non mi dai tregua mentre ti sento sudare su me, mordere ,stringere e godere,  non ho più nessun controllo del mio corpo e nemmeno della mia mente, sono nelle tue mani, sei tu che comandi, dirigi.. io ti assecondo con piacere, godendo di ogni istante , mi guardi compiaciuto con quegli occhi quasi socchiusi,che brillano come lame affilate,  non parli ma dici tutto,   voglio essere la fonte del tuo piacere .. … mentre fuori l’acquazzone estivo copre ogni rumore,  lasciando noi al centro del tempo, nel darsi e volersi… si consuma  tutto questo  fino a che la tensione sale alle stelle, per poi esplodere  fino a far ricadere noi a terra e sorrisi sulle nostre labbra, sguardi sereni e momenti di lenta complicità e dolcezza… e nell’aria  che sa di fresco e terra bagnata i nostri occhi si incontrano ancora per un po’, rasserenati e rassegnati da ciò che è stato e forse poteva non essere… senza alcuna voglia di andare via, perchè c’è bisogno di perdersi in un sogno almeno ogni tanto , fosse anche solo per un ora o un po’ di più, serve a dar senso alla vita…

2 commenti

Mar 22 2014

solo sesso!

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

ancora non riesco a credere di avertelo detto con tutta la mia naturalezza, ma l’ho fatto , ti ho detto che tra noi può essere solo una bella scopata, perchè tutto il resto sarebbe una complicazione sarebbe un assurda complicazione e ci faremmo  male, io mi farei male… sono pazza, questo è poco ma sicuro, ti ho detto questo guardandoti negli occhi…sono pazza e lo so, anche se  so che ti ho detto la verità perchè il giorno in cui ammettessi che è qualcosa di diverso.. sarebbe la rovina, sarebbe il dolore più straziante lo so mi conosco, sono così.. perchè il bene che ti voglio va oltre ogni limite, ma siccome ci siamo già detti che non è amore… allora ci sia tutto il resto, l’attrazione, l’alchimia , il brivido e l’eccitazione,  e pure il sesso perchè no,  ma nient’altro, niente che ha un altro nome.. perchè tu mi rendi libera , e quando mi dici “è così che un amore ti deve far sentire”..  non posso che risponderti… “taci che poi.. inizio ad avere dei sospetti su ciò che c’è tra noi”, perchè noi siamo questo, a te dico tutto ciò che mi passa dalla testa, senza pensarci, a te faccio le sorprese più folli, senza nessun ritegno a te regalo abbracci speciali a te regalo i miei sorrisi , le mie attenzioni, a te.. che sei l’altro lato di me.. e così come fossi in un filme mentre pranziamo insieme, ridendo e parlando anche seriamente, mentre sfioro le tue mani e il tuo viso, mentre incollo i miei occhi ai tuoi e lo sguardo è già oltre dentro la tua anima….. a te dico che noi possiamo al limite far sesso.. come a volermi mettere in salvo .. e così faccio e così arrivo dall’altra parte della riva.. e così… che altrimenti ogni altra cosa mi impedirebbe di vivere , mi impedirebbe di essere ciò che sono.. perchè  se quel sospetto si fa avanti.. poi non si ferma più… e non voglio perdere tutto quello che c’è adesso tra noi, e non voglio perderti ne’ ora ne’ mai, e così… non lo metto nemmeno in conto.. che possa essere altro.. è amore, gratuito quello che due persone possono scambiarsi solo quando hanno oltrepassato l’oceano della passione, consapevoli che sanno ormai nuotare tra quelle onde, ogni tanto si lasciano andare e ci fanno il bagno, tanto sanno nuotare…..è come se ti corressi sempre accanto, mai incontro….  però mi rendo conto di avere una bella faccia tosta.. assolutamente… 88%… sarai così sempre.. lo sei, lo sai.. mi hai creato e ora che un po’ di mesi sono passati da queste parole… sto meglio, lo sai?? sto meglio ho trovato la cura.. le ali si stanno spiegando e chissà… volerò.. e tu lo sai sempre, lo vedi sempre il volo sul mio viso…  mi conosci più di ogni altra persona sulla terra…  sei oltre e  così sai quando finiscono gli inverni dell’anima.. e arriva la primavera…  lo sai sempre!!!

 

2 commenti

Gen 24 2014

e .. NON ti vengo a cercare

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

Ci siamo detti tante cose, e nei nostri abbracci c’è tutto il calore delle parole “ti voglio bene” , ed è bellissimo, ed e’ vero , fa battere il cuore, mi dimostra che le parole hanno ancora un senso  carico di significato, anche se all’apparenza sono così inflazionate e banalizzate, mi fa capire che esiste  ancora emozionarsi per un sentimento.  Quel nostro non essere è la cosa più speciale che ci sia..  ma poi in queste giornate piene di piogge a sprazzi, e di cieli grigi,  aumenta la voglia di incontrarti e  diminuisce la probabilità che ciò accada , cosa strana, ma  la  coincidenza che di solito  muove la nostra vita.. viene meno.. e allo stesso tempo sono invasa dall’alone di te,  da quella presenza che si allontana mentre  mi invade i pensieri, li irretisce e mi inibisce quasi dall’avvicinarmi fisicamente , sempre per la mia fottuta paura di invadere spazi a me non concessi, resto dalla mia parte e tu dalla tua, mentre subdolamente ti insinui nei miei sogni facendo l’amore con me nelle notti uggiose di quest’inverno poco freddo ma molto umido,  li abiti tutti e li rendi così reali che la mattina riesco con fatica a capire che  erano sogni, sento il tuo profumo e il tuo sapore mentre trasali di piacere, il tuo respiro e il suono della tua voce, le tue risate… e forse dopo tanto i brividi lungo la  mia schiena… quelli che  ogni giorno cerco e non trovo più  nelle mille situazioni, eppure… non c’è mutazione che  mi induca in questa situazione, o forse si..??? ma questo è un altro parlare.. e   non ti vengo a cercare..

ma poi basta un raggio di sole che mi fa l’occhiolino da dietro alle nuvole a far cambiare il ritmo,perchè  si sa che non amo il buio  e le tenebre se non le scelgo, e così basta solo una scia dorata  a darmi la voglia di essere me stessa e di credere in quello che sono senza vacillare, non sarò perfetta ma , sono me.. quella che ogni giorno indossa scarpe speciali per poter contare i passi della vita, per aver voglia di camminare andando un po’ più in là..   anche se agli occhi di chi mi incrocia, sembro  immobile, ma piccoli passi ogni giorno fanno percorrere tutte le strade del mondo, ed è li che voglio andare, un po’ più in là..con la fatica e i momenti di stanchezza ma con la certezza di fondo che là andrò….e quando ritrovo me, ritrovo la voglia di trovare te,  magari in un gesto semplice ma mai scontato, come quello di condividere un caffè con la calma che merita e la serenità che mi dà parlarti, confidarmi, ascoltare te… come      a volte mi viene la voglia di chiamarti solo per il profondo e sconfinato piacere di perdermi in quei discorsi che stanno lì nello spazio aperto del cielo, che lo riempiono di tutti gli argomenti possibili ed immaginabili, che sia la filosofia del vivere o la ricetta per una buona cena,avrei voglia di confidarti pensieri, perchè poi tanto lo sai, mi vengono fuori da se, e magari cercare nelle tue parole le risposte alle domande che non mi faccio, che non oso farmi, e cercare nei tuoi occhi quella luce che mi fa  sentire a casa, che mi fa sorridere… perchè tu?.. perchè quando si sta girando in un vortice si cerca un punto fermo e l’unico punto fermo sei tu,  almeno  io ho questa convinzione, e quindi.. so che quando ci sei si allineano i pianeti , tutto ha il suo equilibrio  lascia spazioa emozioni senza complicazioni, perchè non ho bisogno di dimostrare niente, di fare la ruota come i pavoni, di piacerti per forza, perchè tanto non avrei nessuna opportunità di apparire diversa da ciò che sono, con te non ci riesco, sono me…  ed è rilassante… e sai che mi riesce ridere liberamente?? e sai che se ti abbraccio è perchè lo voglio fare, e lo faccio anche meno di quanto vorrei per non toccare quel confine.. e lo sai che dico ciò che penso e sogno, a volte anche senza ritegno? e lo sai che ancora   riesci a farmi mancare la terra sotto i piedi a volte e a farmi venire l’affanno??… e forse si, anche a ridarmi un emozione… sei la mia cura e la mia malattia.. sei te… e in te mi cerco…  forse perchè le premure che mi riservi sono più di quel che ho o forse sonomeno ma sono quelle che toccano come la scossa elettrica, a volte ho paura che svanisca questo a volte penso che se poi ci avviciniamo di più magari possiamo trovare meno, e forse ho paura che possa magari essere di più.. e oddio.. e poi mi arrotolo tra le parole tesoro mio…  e non ti vengo a cercare , perchè tu sai dove trovarmi..qui di sicuro,   e sai che cercarmi e’ facile come cercare le stelle nella notte serena e sappi, se non lo sai già che io sono qui  e so starci…… e non ti vengo a cercare.. perchè alla fine sono codarda.. perchè… alla fine…sto aspettando di fare come BUD SPENCER .. intanto piego le spalle e raccolgo le forze… e poi…. sarò io che spazzo via le nuvole su di me….

 

 

 

3 commenti

Pagina successiva »